La Tua Africa - Safari in Kenya
La Tua Africa - DCM Safari nei Parchi Nazionali del Kenya e della Tanzania
+ 254 - (0) 20 - 2124164
Parchi Tanzania Tanzania

Parco Nazionale del Ruaha Tanzania Tanzania

Il Parco Nazionale del Ruaha, 20.000 kmq, è il Parco più grande della Tanzania dopo la Riserva del Selous, insieme alle aree protette e alle riserve di caccia circostanti che lo inseriscono in un territorio di quasi 45.000 kmq assolutamente privo di insediamenti umani.
La Great Rift Valley attraversa interamente il parco. Sul lato Occidentale della vallata la parete della spaccatura è alta circa dai 50 ai 100 mt in direzione Nord-Est ed aumenta in altezza verso Sud-Est. Si pensa che la vallata del fiume Ruaha maggiore sia di fatto un proseguimento naturale della Great Rift Valley. Il grande fiume Ruaha scorre per 160 km lungo tutto il confine orientale attraverso un paesaggio unico e spettacolare di gole e di distese pianeggianti. A ragione di queste caratteristiche geologiche, il parco annovera una grande varietà di habitat e di ecosistemi: l'altopiano è ricco di foreste di Miombo mentre, più in basso, nel letto della Great Rift Valley, si alternano foreste di acacie e baobab, zone paludose, colline, praterie e boschi di alberi ad alto fusto sempreverdi, palme e ficus sicomori, disseminati ai lati dei fiumi e dei torrenti stagionali.

Il Parco segna il punto di transizione tra l'Africa Centrale e l'Africa Australe. Oltre al grande ed imponente fiume Ruaha, altri torrenti stagionali quali il Mwagusi, il Mzombe, il Mdonya ed il Jongomero scorrono nella vallata del Parco. Durante la stagione delle piogge (a partire da Dicembre) questi torrenti sono ricchi di acqua mentre durante la stagione secca non sono altro che corridoi di sabbia attraversati spesso da branchi di elefanti che scavano pozzi naturali alla ricerca dell'acqua che resta in pronfondità. Molte sorgenti naturali alla base del lato Occidentale della spaccatura della Rift Valley (le sorgenti Mkwawa, Mwayembe, Makinde & Majimoto) durante la stagione secca sono il rifugio per molti animali, erbivori e predatori, quando i corsi d'acqua circostanti si asciugano completamente.

Alla ricca ed abbondante varietà di flora (1400 specie arboree) é strettamente legata la ricchezza della fauna presente nel Parco che annovera tutte le specie animali, fatta eccezione per il rinoceronte nero. Il Parco Nazionale del Ruaha annovera molte specie di antilopi tra cui l'antilope alcina, il dik dik di Kirk, il kudu maggiore ed il kudu minore (questo è l'unico Parco dell'Africa Orientale in cui é possibile avvistare le due specie di kudu), l'antilope nera e l'antilope roana (difficili da avvistare per la loro natura schiva ed elusiva) le grandi antilopi eland oltre a molte famiglie di elefanti, grandi mandrie di bufali, coccodrilli ed ippopotami. Naturalmente non mancano i predatori: leoni (avvistamenti regolari giornalmente sia durante la stagione secca che durante quella delle piogg), leopardi (avvistamenti frequenti ogni due o tre giorni) e ghepardi (avvistamenti meno frequenti e più facili nelle savane aperte ai piedi della parete della spaccatura della Rift Valley, a Lunda, ma anche in prossimità delle paludi di Mwayembe). Il Parco annovera anche una popolazione di oltre 100 licaoni sebbene gli avvistamenti siano diventati negli ultimi anni molto piu' difficili.
Il Parco Nazionale del Ruaha é un vero e proprio paradiso ornitologico ed annovera circa 500 specie di uccelli tra migratorie e non. Tra le prime troviamo il falco fuligginoso (“Falco Concolor”) che nidifica e si riproduce nell'Africa Nord-Orientatle (Sahara) ed il Falco della Regina (“Falco Eleonorae”) che nidifica e si riproduce sulle rive del Mar Mediterraneo. Il periodo migliore per avvistare le specie migratorie va da Novembre a metà Marzo ogni anno. Tra le specie stanziali troviamo invece il falco giocoliere, l'aquila marziale, la rara aquila di Verraux, il gufo pescatore ed il raro storno cenerino, gruccioni e nettarine, buceri, pivieri, cicogne dal becco a sella e l'upupa arbicola purpurea per nominarne solo alcuni.

Stagionalità nel Parco Nazionale del Ruaha

Da Giugno a Novembre: questo è considerato il periodo migliore per visitare il Parco e corrisponde alla stagione secca.
Come per il Katavi ed il Tarangire la quasi assoluta mancanza di fonti d'acqua costringe gli erbivori ed i loro predatori, che durante la stagione delle piogge si sono dispersi su un vasto territorio di pascoli verdi e ricchi di acqua, a raggiungere e confluire all'unica risorsa d'acqua disponibile: il grande fiume Ruaha ed i letti asciutti dei torrenti stagionali dove gli elefanti scavano pozzi naturali per raggiungere le falde l'acqua sotterranea. In questa stagione dell'anno la vegetazione perde gran parte del fogliame ed i tappeti erbosi diventano una distesa arida di sabbia. La combinazione di questi fattori garantisce ai visitatori degli splendidi safari fotografici con ottimi avvistamenti di predatori e numerosi erbivori incluse l'antilope nera e l'antilope roana che scendono ad abbeverarsi presso le sorgenti di Makindi e Mkwawa. Questo è il periodo migliore per i safari a piedi e per quelli notturni autorizzati in questo Parco dall'ente preposto al controllo dei Parchi Nazionali della Tanzania.

Da Dicembre a Maggio: la stagione delle piogge nel Parco Nazionale del Ruaha ha un andamento diverso rispetto allo stesso periodo sulla costa e sugli altopiani del Nord. Le piogge hanno inizio normalmente verso la fine di Novembre e raggiungono il picco piu' alto tra Dicembre e Gennaio per poi diminuire gradualmente a partire da Febbraio scemando quasi completamente a Maggio che può essere considerato stagione secca come i mesi a seguire fino a Novembre.
A partire dal mese di Dicembre il paesaggio inizia a cambiare e diventa sempre più verde, la vegetazione s'infittisce di fogliame ed i torrenti stagionali iniziano a fluire. Proprio a causa della fitta vegetazione gli avvistamenti si fanno meno meno frequenti e meno regolari ma qualitativamente compensati dalle molte nuove nascite. Con un pizzico di fortuna si potrebbe assistere allo spettacolo emozionante di un parto. Molto improbabili diventeranno invece gli avvistamenti dell' antilope nera e dell' antilope roana che restano sull'altopiano ricco di sorgenti d'acqua (questa zona é di difficile accesso a ragione della mancanza di piste viabili collaudate e sicure)
Da Aprile fino alla fine di Maggio la maggior parte delle strutture ricettive presenti nel Parco (campi tendati) prevede la chiusura stagionale.

Il Parco Nazionale del Ruaha si estende in parte sul letto della Great Rift Valley ed in parte sull'altipiano. Le temperature possono variare sensibilmente a seconda dell'area: verso la fine della stagione secca (Ottobre – Novembre) le temperature a valle possono raggiungere i 40° nelle ore più calde del giorno mentre nei mesi più freddi (Giugno, Luglio ed Agosto) possono scendere a minimi notturni di 6° sull'altopiano (Mwagusi Lodge). Va tuttavia ricordato che anche in Tanzania,come nel resto del mondo,il clima sta subendo dei cambiamenti significativi e le indicazioni sopra riportate vanno prese come riferimenti guida privi di valore assoluto.

La complessità, la varietà e l'abbondanza di biomi presenti nel Parco Nazionale del Ruaha insieme alla ricchezza di specie arboree ed animali, il numero relativamente basso di visitatori a ragione degli alti costi per raggiungerlo, la disponibilità di guide altamente qualificate soprattutto presso Mwagusi e Kwihala, fanno di questo Parco una meta decisamente privilegiata per gli amanti del safari.
In tempi recenti la nascita di molte aree destinate alle coltivazioni di riso nella parte Sud-Occidentale del Parco,proprio nell'area delle sorgenti del grande fiume Ruaha, ha causato verso la fine della stagione secca il parziale prosciugamento del fiume con situazioni drammatiche per gli animali. Nel 2010 il Governo della Tanzania ha annesso gran parte delle sorgenti al Parco con l'impegno di ripristinare l'equilibrio a favore della fauna residente.

Campi e Lodges Tanzania